Caleidoscopioghipofisiedintorni.it

Portale di Formazione a distanza


Scopri il progetto:


Descrizione progetto

 

La condivisione delle differenti esperienze, il confronto e l’approfondimento sistematico tra le varie strutture ospedaliere e i rispettivi operatori sanitari circa le differenti soluzioni cliniche per la gestione dei pazienti sarà il focus principale della piattaforma formativo-divulgativa dal titolo: www.caleidoscopioghipofisiedintorni.it
Nello specifico essa vuole offrire un aggiornamento completo sul procedimento diagnostico e il trattamento multi specialistico delle condizioni responsabili di ipo e iperfunzione dell’asse ipofisi-surrene, e delle relative comorbilità, attraverso la fruizione di molteplici format, sia sincroni che asincroni, i quali, differenti per struttura e contenuto, offriranno una formazione completa e approfondita circa le tematiche trattate.
Nei 6 mesi di attività prevista l’interazione costante degli iscritti alla piattaforma tramite survey digitali, sondaggi e sistemi interattivi dedicati ad ogni esperienza proposta, consentirà di adattare di volta in volta i format realizzati e le tematiche in essi contenute anche in considerazione delle proposte e indicazioni degli iscritti alla piattaforma che si troveranno dunque a rivestire un ruolo attivo, e non solo di semplice spettatore, nella scelta di alcuni contenuti del progetto.
Obiettivo principale del progetto proposto, indirizzato alle diverse figure specialistiche coinvolte, è offrire un efficace strumento di formazione e confronto rivolto a tutti i professionisti sanitari coinvolti per una efficace gestione dei pazienti nella cura delle patologie sopracitate.
Infine, la modalità di fruizione proposta e l’associazione tra differenti tipologie di apprendimento, permetterà di garantire una maggiore attività didattico-formativa senza limiti di numerica e logistica, consentendo un confronto attivo tra esperti che potranno interagire direttamente con l’audience in ogni momento sulle tematiche e i contenuti dei diversi incontri

Responsabili scientifici

Dott.ssa Federica Guaraldi

Referente Neuroendocrinologia Pituitary Unit - Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e il Trattamento delle Patologie Ipotalamo-Ipofisarie, IRCCS Istituto della Scienze Neurologiche di Bologna, Bologna, Italia

Prof. Diego Mazzatenta

Professore Associato di Neurochirurgia, Università di Bologna
Direttore Pituitary Unit - Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e il Trattamento delle Patologie Ipotalamo-Ipofisarie, IRCCS Istituto della Scienze Neurologiche di Bologna, Bologna, Italia

Presentazione del progetto

Calendario eventi

Con il Patrocinio di




e il contributo non condizionante di

Il progetto supporta:



-->

CALEIDOSCOPIO GH IPOFISI E DINTORNI

CONTENUTI MULTIMEDIALI

Video pillole di formazione

GIUGNO
"Acromegalia: una palestra per l'endocrinologo"
Dott. Francesco Antonio Logoluso, Bisceglie
LUGLIO
"Adenomi ipofisari in età pediatrica"
Dott.sa Federica Guaraldi, Bologna
OTTOBRE
"Sindrome di Cushing: una malattia grave alla ricerca di un trattamento efficace"
Prof. Rosario Pivonello, Napoli

Video interviste

MAGGIO
Presentazione del progetto e lancio della piattaforma
F. Guaraldi - D. Mazzatenta
GIUGNO
Adenomi Ipofisari: endocrinologo e veterinario a confronto
F. Fracassi, Bologna
Modera: F.Guaraldi, Bologna
LUGLIO
Machine learning and mobile applications to manage pituitary tumors
T.R. Smith, Harvard (USA)
Modera: M. Zoli, Bologna
Inquinamento ambientale e tumori ipofisari
S. Cannavò, Messina
Modera: S. Grottoli, Torino
AGOSTO
Impatto del deficit ed eccesso di GH sulla salute sessuale e fertilità maschile
G. Corona, Bologna
Modera: F. Guaraldi, Bologna
Hugo Brothers and other historical facts on Acromegaly
A.F. Daly, Liège - A.F. Beckers, Liège
SETTEMBRE
Alterazioni cardiovascolari e metaboliche nell'eccesso e difetto di GH: focus sull'Iperuricemia
C. Borghi, Bologna
L'Acromegalia fuggitiva
R. Toni, Parma - Boston
Modera: F. Guaraldi, Bologna
OTTOBRE
Evolution of surgical approaches and techniques in the treatment of Acromegaly
M. Buchfelder, Erlangen (Germany)
Modera: D. Mazzatenta, Bologna
Presentazione della Tavola rotonda
F. Guaraldi - R. Pivonello
ACCEDI AI CONTENUTI

EVENTI ECM

ECCESSO E CARENZA DI GH
DAL FETO ALLA TERZA ETÀ:

UNA PANORAMICA CALEIDOSCOPICA

CONGRESSO ECM
23 SETTEMBRE 2022
Dalle 8.30 alle 17.45

L’incontro si propone di fornire un aggiornamento sull’inquadramento diagnostico ed il trattamento, necessariamente multimodale e multidisciplinare, di condizioni associate ad ipo- e iperfunzione dell’asse GH/IGF-1, e delle relative comorbilità. In particolare, verranno affrontati gli elementi di fisiopatologia, diagnostica biochimica, radiologica e anatomopatologica ancora dibattuti, le nuove frontiere dell’indagine genetica e genomica, e le indicazioni ai diversi approcci terapeutici, in relazione alle diverse età del paziente, oltre che a situazioni peculiari, quali la gravidanza. A corollario, un focus sulle caratteristiche comuni e peculiari dell’ipo- e ipersecrezione di GH/IGF-I nell’animale e nell’uomo. Professionisti autorevoli nelle diverse discipline, provenienti da prestigiose università italiane, europee e americane, interverranno in qualità di relatori e moderatori. Al fine di massimizzare l’interazione tra docenti e discenti, è stata concepita una piattaforma virtuale sulla quale verranno caricati contenuti multimediali di approfondimento, accessibili a tutti i partecipanti nei mesi precedenti e successivi la giornata congressuale, composta, a sua volta, di letture magistrali, relazioni interattive ed ampi spazi di discussione in tempo reale.

CURA DELL'ACROMEGALIA:
TRA L’ENDOCRINOLOGO O IL NEUROCHIRURGO
SCELGO IL RADIOTERAPISTA

TALK SHOW
27 OTTOBRE 2022
Dalle 18.00 alle 19.45

L’Acromegalia è una malattia rara le cui manifestazioni cliniche possono essere spesso misconosciute nelle fasi iniziali con un inevitabile ritardo diagnostico anche di anni. Oltre alle note alterazioni somatiche secondarie all’eccesso di GH ed IGF1, l’acromegalia si associa a numerose co-morbidità, quali le alterazioni del metabolismo (sia glicidico che lipidico), le alterazioni della funzione cardiovascolare e respiratoria, l’incremento della fragilità scheletrica, i disturbi del sonno e l’aumento del rischio di malattie tumorali. L’insieme di queste comorbidità è responsabile dell’importante riduzione della qualità e aspettativa di vita di questi pazienti, con inoltre importanti ripercussioni sul contesto familiare e dei caregivers. La diagnosi precoce ed un efficace controllo di malattia si sono dimostrati punti fondamentali per migliorare l’outcome clinico a lungo termine di questi pazienti. Tuttavia, nonostante le migliori conoscenze e l’affinamento delle tecniche diagnostiche, sia il ritardo nella diagnosi che il ritardato e/o mancato raggiungimento degli obiettivi riconosciuti come indispensabili per una cura efficace fanno sì che il trattamento di questa malattia non raggiunga spesso risultati accettabili. Quanto è importante un approccio globale alla malattia e cosa possiamo fare per migliorare l’inerzia terapeutica nel trattamento, specie delle comorbidità, del paziente affetto da acromegalia? Questo interrogativo e i diversi punti di vista ad esso correlati saranno oggetto di un dibattito dinamico tra esperti che si confronteranno, in maniera aperta e non tradizionale, nella tavola rotonda presentata. Quanto di seguito presentato vuole costituire una metodologia di approfondimento per tutti gli specialisti coinvolti, che avranno la possibilità di confrontarsi circa i diversi studi ed esperienze professionali, in maniera attiva, multidisciplinare e non tradizionale attraverso la Formazione A Distanza Sincrona, supportata da software digitali che, per l’intera durata dell’incontro permetteranno un’interazione costante per tutti i discenti coinvolti. L’obiettivo del progetto proposto, è offrire un efficace strumento di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i professionisti sanitari coinvolti per una efficace gestione e cura della patologia di riferimento. L’ incontro si propone pertanto di approfondire queste tematiche in maniera attiva e non solo tradizionale anche attraverso l’ausilio di strumentazioni tecnologiche per la condivisione delle opinioni e del livello di consenso dell’intera platea su quanto esposto. L’incontro non vuole porsi dunque solo come una riunione per esperti dedicati alla ricerca; l’obiettivo che si desidera raggiungere è quello di realizzare una discussione aperta e un confronto chiaro, con risvolti pratici, indispensabili ad ogni medico che si trovi a usare nella propria realtà quotidiana nuovi farmaci e terapie.

UNMET NEEDS IN CUSHING'S DISEASE
CONFRONTO TRA ESPERTI
IN TEMA DI MALATTIA DI CUSHING

TAVOLA ROTONDA INTERATTIVA
22 NOVEMBRE 2022
Dalle 17.15 alle 19.45

La malattia di Cushing è una condizione rara ed insidiosa. L’incremento cronico dei livelli di cortisolo dovuto ad ipersecrezione autonoma di ACTH da parte di un adenoma ipofisario, e/o di CRH da parte di una lesione ectopica, sono responsabili dell’insorgenza di alterazioni somatiche, cardiovascolari, metaboliche ed ossee, oltre che di alterazioni cognitivo-comportamentali, spesso irreversibili, con forte impatto sulla qualità e aspettativa di vita di questi pazienti, oltre che importanti ripercussioni sul contesto familiare e dei caregivers. Poiché molte delle complicanze/comorbilità risultano difficilmente trattabili/irreversibili, specie se in stadio avanzato, la diagnosi e il trattamento precoce sono fondamentali per migliorare l’outcome a breve e lungo termine. Nonostante la maggiore sensibilità verso questa condizione, e l’affinamento delle tecniche diagnostiche, persiste un ritardo diagnostico e terapeutico non trascurabile. A questo si associa la difficoltà a controllare la malattia, nonostante i diversi approcci terapeutici (i.e., chirurgico, medio, radioterapico) oggi disponibili. Ne consegue, un elevato rischio di progressione/nuova insorgenza delle comorbilità tipicamente associata. Le strategie per anticipare la diagnosi e ottimizzare il trattamento della malattia di Cushing e delle sue comorbilità rappresentano un tema controverso e di grande attualità, sul quale si confronteranno specialisti delle diverse discipline (endocrinologia, neurochirurgia e radioterapia), con esperienza e provenienza geografica diversa, attraverso un dibattito dinamico. Obiettivo di questa tavola rotonda è di fornire un efficace strumento di formazione e aggiornamento a tutti gli specialisti coinvolti, per ottenere una gestione sempre più efficace e individualizzata del paziente con malattia di Cushing. La modalità di Formazione A Distanza Sincrona, supportata da software digitali e strumentazioni tecnologiche che consentono la condivisione in tempo reale delle opinioni dei diversi specialisti e del livello di consenso della platea sui diversi elementi discussi, permetterà l’interazione costante ed il confronto chiaro tra esperti in sala e in collegati remoto, e i discenti in maniera aperta e attiva, sulla base dei dati di letteratura e della propria esperienza professionale, affinché ogni partecipante possa ricavarne consigli efficaci per migliorare la propria pratica quotidiana.